• Opera

    • Woodstock
      • Descrizione
      • Indice
      • Note biografiche
    • Mike Evans      Paul Kingsbury     

      Woodstock

      I tre giorni che hanno cambiato il mondo

      • Descrizione
      • Indice
      • Note biografiche

      Descrizione

      Nell’agosto del 1969, mezzo milione di persone – fradice di pioggia e immerse nel fango fino alle ginocchia – si riunirono nel campo di un allevatore, nella parte nord dello Stato di New York, per partecipare a quello che è ormai noto come l’evento musicale più importante e irripetibile di sempre: una pietra miliare che ha definito una generazione. Woodstock è stato l’espressione più alta dei valori hippie e della controcultura giovanile. Con il senno di poi, è stato anche il suo anarchico canto del cigno. Questa è la guida definitiva a quei “tre giorni di pace e musica”.

      L’inizio: il racconto comincia con un inquadramento del clima sociopolitico degli anni Sessanta. Tutti i passi che hanno portato all’evento sono descritti nel dettaglio: l’organizzazione, la pubblicità, il marketing, ma anche i festival che hanno creato le condizioni adatte: Newport, Monterey, Miami e Atlanta.

      L’evento: i tre giorni del festival sono presentati cronologicamente. Un elenco completo offre uno sguardo dettagliato su tutti i 31 artisti, nell’esatto ordine in cui si sono esibiti, dal set di apertura di Richie Havens di venerdì sera alla seminale versione di “Star-Spangled Banner” di Jimi Hendrix, il lunedì mattina – molte ore dopo quella che avrebbe dovuto essere la fine del festival. Informazioni sui musicisti delle band, scalette, performance, aneddoti e ricordi dei protagonisti delineano l’intero panorama sonoro di Woodstock, canzone per canzone.

      Il dopo: Woodstock fece notizia in tutto il mondo e il successo del film lo rese un mito senza tempo. Gli autori di questo libro prendono in esame l’eredità del festival, mettendola in prospettiva cinque decenni dopo, spiegando anche cosa facciano oggi i protagonisti ancora in vita.

      Interviste nuove, aggiornate, e le parole di chi c’era – musicisti, manager, fan, fotografi – offrono uno sguardo privilegiato, lungo tutto il dipanarsi del volume. Con tantissimi aneddoti e storie dal backstage, ma anche molti scatti e memorabilia – parecchi dei quali mai pubblicati prima – Woodstock è la celebrazione del festival più importante della storia del rock.

      Indice

      Prefazione di Martin Scorsese. Introduzione. Il prima - Giorno Uno - Giorno Due - Giorno Tre - Il dopo - Dove sono ora?. Bibliografia. Fonti. Indici.

      Note biografiche

      Mike Evans, musicista attivo negli anni Sessanta, ha iniziato a occuparsi di musica popolare negli anni Settanta come speaker radio%02fonico, scrittore, giornalista per il Melody Maker. Ha scritto diversi libri, fra cui i fortunati The Art of the Beatles, Elvis: A Celebration, Ray Charles: The Birth of Soul, The Rock and Roll Age e The Beats. Vive e lavora a Londra.

      Paul Kingsbury è autore di BMI: The Explosion of American Music, The Grand Ole Opry History of Country Music e Vinyl Hayride: Country Music Album Covers 1947-1989. Inoltre è coautore di Hatch Show Print: The History of a Great American Poster Shop e ha curato diversi libri di argomento mu%02sicale fra cui Will the Circle Be Unbroken: Country Music in America. Ha scritto per varie riviste come Entertainment Weekly, American Songwriter, US Weekly e Country Music. Vive e lavora a Nashville.

      Il materiale e le informazioni per assemblare questo volume sono stati forniti dal Museo di Bethel Woods, Stato di New York, che mette in scena un viaggio multimediale fra video e schermi interattivi, pannelli testuali e cimeli esposti, per

      rivivere l’esperienza unica del festival di Woodstock.

  • Formati libro

    • Brossura
      Dimensioni: 25 x 29
      Stampa: Colori
      Pagine: 288
      ISBN: 9788836011469
      Prezzo: € 22,90